Articolo

I rischi del trasporto nell’economia globale

Maggio 31, 2019
| Italia

Nell’ultimo mezzo secolo, il costante aumento degli scambi commerciali ha guidato la crescita dell’economia globale.

Le fonti della Conferenza delle Nazioni Unite sul Commercio e lo Sviluppo (UNCTAD) rilevano che il commercio internazionale di beni e servizi è passato da circa 4 trilioni di dollari nel 1990 a oltre 24 trilioni di dollari nel corso degli ultimi anni.

Tale aumento di scambi non sarebbe stato possibile senza una contestuale crescita del settore globale dei trasporti, il quale costituisce una componente chiave per lo sviluppo economico e sociale, oltre il semplice movimento di merci e persone.

Lo stretto rapporto tra l’industria dei trasporti e l'economia globale, ha portato le aziende a dover affrontare i rischi considerando molteplici fattori che interagiscono tra loro: 1) la complessità dei mercati 3) la forza lavoro transitoria 2) la disomogeneità dei quadri normativi di riferimento 4) l'innovazione tecnologica 5) i cambiamenti geopolitici.

Di conseguenza per le aziende del settore diviene ancora più importante dotarsi di piani di gestione del rischio.

Nel Transportation Risk Index – il report elaborato da Willis Towers Watson che ha coinvolto oltre 350 dirigenti del settore dei trasporti provenienti da tutto il mondo - vengono individuati due principali elementi di attenzione:

  • l’instabilità geopolitica e la relativa incertezza nei quadri normativi di riferimento;
  • la vulnerabilità delle infrastrutture tecnologiche e la relativa sicurezza dei dati.

Inoltre, con particolare riferimento alle società di trasporto terrestre e agli spedizionieri, dall’indagine emerge anche la crescente preoccupazione per i rischi associati alle sanzioni internazionali e alla relativa compliance.